Ragazzo scomparso, tragico epilogo: trovato morto in mezzo ai boschi

Tragedia sul Monte Guglielmo: è stato trovato senza vita, a 1350 metri di altitudine, il corpo del giovane Michael Costa. Aveva soltanto 25 anni

Tragico epilogo per la scomparsa del 25enne Michael Costa: il suo corpo senza vita è stato ritrovato lunedì sera nei boschi di Zone, a poco meno di 1400 metri di altitudine, quando ormai il sole stava già per tramontare. Il giovane è stato avvistato dall'elicottero del Soccorso alpino intorno alle 19: l'amara conclusione di quasi 48 ore di ricerche senza sosta. Originario di Asola, nel Mantovano, ma residente a Piadena in provincia di Cremona, Costa era stato dichiarato ufficialmente scomparso nella tarda serata di sabato, alla vigilia di Pasqua.

La scomparsa

Era tornato sul Monte Guglielmo, in mezzo a boschi e sentieri che tanto amava. Aveva cominciato la sua escursione documentando il suo percorso: le tracce lasciate sui social network si concludono nel primo pomeriggio, Poi, il vuoto: ma è solo in serata che i genitori si sono effettivamente preoccupati, quando si sono resi conto che il tempo continuava a passare, inesorabile, e del giovane Michael non c'erano più notizie.

Le ricerche

Non rispondeva più al cellulare, che un po' alla volta si è anche scaricato: le ricerche sono scattate intorno alle 23 di sabato, coinvolgendo senza sosta almeno una sessantina di persone tra volontari di Protezione civile, tecnici del Soccorso alpino, Carabinieri e forze dell'ordine locali, perfino una task-force della Guardia di Finanza in campo con degli speciali “transponder”, marchingegni ad altissima tecnologia in grado di captare i segnali degli apparecchi elettronici, accesi, fino a quasi 200 metri di distanza. E poi i droni dal cielo, l'elicottero, i cani molecolari: impegnate anche varie squadre dei Vigili del Fuoco e del Saf regionale, il Nucleo speleo-alpino-fluviale.

Il percorso di Michael è stato ricostruito anche grazie ai suoi post su Facebook: le ricerche si sono inaugurate nella zona di fianco alla Corna del Bene. La sua auto è stata ritrovata a poche centinaia di metri di distanza, all'inizio dei sentieri. Le ricerche poi sono andate a vuoto per tutta la giornata, almeno fino a domenica sera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tragico ritrovamento

Sono circa le 19 quando infatti il corpo di Michael è stato avvistato dal cielo, dall'elicottero del Soccorso alpino: “E' stato individuato durante il sorvolo – si legge in una nota del Cnsas – a 1350 metri di altitudine, a nord dell'abitato di Zone, in una zona boscosa molto impervia”. Una tragedia immensa, che lascia nello sgomento amici e familiari. La salma è a disposizione dell'autorità giudiziaria: non si esclude che venga effettuata l'autopsia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: in Lombardia 293 nuovi contagi, a Brescia altre 8 croci

  • Coronavirus: assalto per la movida, Del Bono costretto a chiudere Piazzale Arnaldo

  • Terribile schianto frontale, auto distrutte e 3 feriti: uno è grave al Civile

  • Brescia: tutte le attività commerciali aperte e che fanno consegna a domicilio

  • Si butta dalla finestra di casa, giovane uomo muore suicida

  • Covid: in Lombardia 65 morti, Brescia prima provincia d'Italia per nuovi contagi

Torna su
BresciaToday è in caricamento