Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca Centro / Piazza della Vittoria

La storia scende in Metrò: tre scatti per fermare il tempo

Tre enormi fotografie campeggiano a Vittoria, Ospedale e Stazione FS: il legame tra passato e futuro e una storia per immagini. Il sindaco Del Bono: "Un modo per tener vive le basi che hanno costruito la nostra città"

Metro: fermata Vittoria

Tre scatti ‘giganteschi’, anche da dodici metri per nove, fissati sui grandi muri delle stazioni delle Metro bresciana, quasi a voler fermare il tempo un’altra volta, anche solo per ammirarli. Foto giganti, o meglio gigantografie, di tre diversi periodi storici ma che si legano direttamente alle stazioni ‘prescelte’, quella dell’Ospedale, quella di Piazza Vittoria, quella della stazione ferroviaria.

In ordine, l’inaugurazione del Padiglione A del Civile, datata 1950; la linea 1 del filobus che attraversa Piazza Vittoria, poco prima dell’infuriare della guerra, nel 1940; la terza e ultima, la riparazione di una locomotiva del 1918, duramente ammaccata dalla guerra che invece allora si stava per concludere. Tre pezzi di storia bresciana e cittadina, immortalati e forse immortali.

“Caratterizzare ogni fermata con un segno d’identità, questo volevamo – ha spiegato il sindaco Emilio Del Bono – Un modo per tener vive le basi che hanno costruito la nostra storia, un’occasione per restituire un’identità ad una comunità che non si vuole fermare”. E forse questa metropolitana, che intanto piace anche a New York, comincia a conquistare (e per davvero) i cuori dei bresciani.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storia scende in Metrò: tre scatti per fermare il tempo

BresciaToday è in caricamento