La carica di Garibaldi: «La Metro peggior affare del secolo»

Sul tema sempre caldo del Metro alla bresciana abbiamo intervistato Ezio Garibaldi, il papà dell'ambientalismo cittadino: "Clamoroso errore ambientale, città rovinata". E il peccato originale? "Fu di Corsini"

Polemiche mai sedate per il Metrobus bresciano, soprattutto ora che le evidenze come inattesi nodi vengono al pettine, e dalla campagna elettorale in corso si evince che i primi due partiti della città (almeno stando ai più recenti sondaggi) non hanno esitato nel fare la gara dei meriti sul colosso sotterraneo, a raso e di superficie che ha sconvolto (nel bene e nel male) la vita dei cittadini di Brescia. Un mutuo trentennale, che significa indebitamento, e un’utilità che non corrisponde al reale, con tutte le conseguenze del caso, e non si parla solo dei costi.

A tornare di prepotenza sul tema è Ezio Garibaldi, uno dei volti più noti dell’ambientalismo bresciano e che proprio dell’ambiente ha fatto la sua bandiera, tra i principali promotori del referendum anti-metro che mai raggiunse il quorum. A 90 anni suonati, “ma ancora giovanissimo nello spirito”, Garibaldi riprende da vicino quella che è stata una colonna portante del suo più recente impegno politico. Cresciuto nelle scuole di partito del defunto PCI, è stato uno degli esperti chiamati in causa da Presa Diretta nella celebre inchiesta dedicata alla Caffaro: per dirla tutta, di peli sulla lingua manco l’ombra.

“Non mi stancherò mai di ripeterlo, la Metro è la peggior compagna per la città di Brescia. E non lo dico per noi vecchi, lo dico soprattutto per i giovani. Quelli che per 30 anni dovranno affrontare un indebitamento del 4,5% annuo, su un mutuo base di 220 milioni di euro. Un investimento mai visto da queste parti, per un progetto che è incoerente già dal nome. Il calcolo è semplice, è aritmetico: se non ha un’utenza – appunto – metropolitana, è impossibile anche solo immaginare di mantenerla. Se dico Londra, Parigi o nel ‘piccolo’ Milano, il risultato vien da sé: per mantenere un’opera come questa servono milioni di passeggeri al giorno, non decine di migliaia”.

Mutuo e investimenti che si fanno “peccato originale”, e sicuramente “non verranno mai ripagati”. Ad essi, continua Garibaldi, si aggiungono “clamorosi errori ambientali”, e una città che “andrebbe rispettata e invece così è stata rovinata”. Basta guardarsi intorno, aggiunge, “le crepe nei palazzi antichi o nelle chiese, l’esempio più lampante lo si può vedere nella chiesa di San Faustino”. E poi, quella linea dritta che “lascia scoperto almeno l’80% della città, praticamente segue un percorso che faceva già un autobus ma a costi ingigantiti, ogni centimetro di rotaie dal costo spaventoso”, insomma il totale si aggira intorno al miliardo di euro.

Ancora, la mala organizzazione: “Se proviamo a contare tutti i posti auto che offrono i vari parcheggi realizzati e facciamo una media abbiamo circa 17 parcheggi per fermata, fa quasi sorridere. E i cittadini bresciani non sono dei cretini. Chi glielo fa fare di prendere la macchina, mollarla in un parcheggio magari a pagamento e poi pagare ancora il biglietto, aspettando circa dieci minuti tra un treno e l’altro”. Il peccato originale che ritorna: “Come ho già scritto nella mia autobiografia (‘La mia vita per la giustizia, la partecipazione e l’ambiente’, con prefazione di Marino Ruzzenenti NDR) mi tocca puntare il dito sulla giunta Corsini, quando ha sottoscritto quel debito lungo 30 anni. Si sentirono dei novelli Nabucodonosor, pronti a costruire palazzi e piramidi, ma nel deserto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prima di salutarci, un’ultima domanda. Ma a Brescia la Metro potrà mai servire? “A Brescia qualsiasi cosa può servire, di sicuro mai una metropolitana. In una classifica immaginaria, Brescia è l’ultima città a cui potrebbe servire la Metro”. E che fine farà? “Farà la fine di una diligenza nel Far West”. Ne partivano tante, poche arrivavano fino in fondo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla e Ines, la tragedia sulla strada per le vacanze

  • Si sente male nel suo locale, ristoratore bresciano muore mentre sta lavorando

  • Coronavirus, in Lombardia via libera a calcetto e discoteche

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

  • Travolta in allenamento, è morta Roberta Agosti: era la compagna di Marco Velo

  • Si appoggia a un masso e precipita nel vuoto: addio a Saverio

Torna su
BresciaToday è in caricamento