menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Vincenzo Niro in posa per una foto assieme ai colleghi

Vincenzo Niro in posa per una foto assieme ai colleghi

Controllore picchiato a sangue in metro da quattro ubriachi

In metropolitana per difendere una ragazza aggredita, controllore di 30 anni viene picchiato a sangue sulle scale della fermata di Casazza. A Brescia il racconto di Vincenzo Niro: "Pensavo volessero uccidermi"

Picchiato a sangue, sulle scale della metropolitana, da quattro giovani ubriachi e probabilmente originari dell’Est Europa. Vincenzo Niro, controllore del Metrobus bresciano di 30 anni, nella notte di venerdì ha subito un pestaggio di violenza inaudita, che gli è costato un ricovero in ospedale.

Ci ha pensato un collega, con l’aiuto di due passeggeri, ad allontanare i quattro ubriaconi che pareva volessero finirlo, davvero. Lo hanno colpito prima in faccia, con un pugno, lo hanno fatto cadere a terra e lo hanno preso a calci, lo hanno colpito con un bastone.

Il controllore Vincenzo racconta di essere intervenuto in difesa di una giovane donna, molestata prima da due e poi da quattro persone, mentre saliva le scale per uscire dalla stazione di Casazza. Poco prima di mezzanotte, quando poco mancava alla chiusura.

“Ho pensato volessero uccidermi”, aggiunge ancora Vincenzo. I quattro se la sono data a gambe, si sono dileguati: indagini in corso, anche con il supporto delle telecamere di sorveglianza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento