Cronaca Darfo Boario Terme / Piazzale Luigi Einaudi

Botte al mercato: fruttivendolo colpito con una spranga

Alta tensione al mercato di Boario del sabato mattina: le bancarelle sono state spostate, lite furibonda tra due commercianti dai banconi ravvicinati. Uno dei due colpito alla gamba da una spranga in ferro

Foto di repertorio

Un commerciante che colpisce un suo ‘vicino di bancone’ con una spranga in ferro, provocandogli una ferita alla gamba. L’apice più violento di una situazione più che tesa, nella piazza di Darfo Boario Terme dove va in scena il mercato settimanale, il sabato mattina. E la ripicca tra gli ambulanti sarebbe conseguenza diretta di un ‘cambio in corsa’ dei banchetti, una planimetria modificata dall’amministrazione comunale circa un anno fa.

La storia di questa piccola grande guerra tra botteghe mobili è stata raccontata dal Giornale di Brescia. Il capofila della protesta, in particolare, sarebbe Adamo Primino, storico fruttivendolo che al mercato di Boario ci sarebbe da quasi 50 anni. “Non sono mai stato trattato così – racconta al quotidiano – Il Comune voleva mettere le cose a posto, e invece ha creato il caos”.

La polemica si riferisce agli ambulanti della ‘zona sud’ di Piazzale Einaudi, penalizzati rispetto alla collocazione originale. “Mi trovo incastrato tra il marciapiedi, la strada e il camioncino di un altro ambulante”, racconta ancora Adamo. E proprio con l’ambulante ravvicinato si sarebbe avuto l’episodio violento.

Prima le parole che volano, poi le mani. Infine addirittura quella spranga, e il fruttivendolo Adamo che sporge denuncia. Ce ne sarebbero altri, di scontenti. Ma l’amministrazione comunale nega che ci sia un’emergenza così impellente: “Abbiamo pronto un progetto alternativo che consentirà a tutti di avere la stessa visibilità. Parlando di aggressioni e di minacce, sono solo questioni personali tra ambulanti e che non ci riguardano”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botte al mercato: fruttivendolo colpito con una spranga

BresciaToday è in caricamento