Cronaca Piazza Giuseppe Malvezzi

Dopo 50 anni, arriva lo stop al mercatino dell'antiquariato

In una lettera aperta, l'associazione che lo organizza ha spiegato il motivo della scelta

Immagine generica

Ogni primo sabato e domenica del mese, da ben 50 anni, piazza Malvezzi a Desenzano del Garda fa da scenario a un amatissimo mercatino dell'antiquariato. D'ora in poi, turisti e amanti del vintage non potranno più segnare in agenda l'appuntamento, perché l'associazione che lo organizza ha deciso, almeno fino a fine anno, di dire basta. Le motivazioni sono state spiegate in una lettera aperta. 

“La sovrapposizione delle nostre manifestazioni in uno spazio ridotto dai plateatici delle attività presenti in Piazza Malvezzi - si legge nella nota - a nostro avviso può creare gravi problemi di sicurezza come già verificatosi lo scorso anno. Alcuni operatori del mercato sono stati infatti coinvolti in tre diversi incidenti e non si può escludere che si possano verificare episodi in futuro con eventuali infortuni a passanti e visitatori.  Purtroppo la miopia dell’amministrazione comunale, nel non riconoscere che le norme di sicurezza in queste circostanze non vengono rispettate e la mancata discussione per poter trovare soluzioni logistiche alternative, ci impongono una decisione per noi sfavorevole. Responsabilmente ci appelliamo al nostro senso civico”.

“Ringraziamo i nostri clienti e visitatori che in tutti questi anni hanno trovato nelle nostre proposte fonte di interesse per ampliare le proprie collezioni con curiosità e attenzione per un tempo passato. Il nostro mercato - prosegue la nota - ha instillato nel pubblico positive considerazioni personali e non solo. Le nostre manifestazioni sono infatti diventate sul territorio un punto di riferimento fornendo un’immagine di Desenzano sempre viva per un pubblico attento alla qualità dei prodotti commerciali proposti. Rimaniamo fiduciosi che le incomprensioni odierne tra amministrazione comunale e noi organizzatori, rispetto alle nostre manifestazioni, possano essere superate con una seria riconsiderazione dei problemi sopra illustrati per contribuire a tracciare una nuova immagine di Desenzano non solo legata al ‘mordi e fuggi’ ormai imperante”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo 50 anni, arriva lo stop al mercatino dell'antiquariato

BresciaToday è in caricamento