Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

E' stato condannato a 5 anni di reclusione il 26enne che il 9 aprile scorso aveva aggredito e quasi stuprato una signora nelle campagne di Medole

Foto d'archivio

I fatti risalgono al 9 aprile scorso, nelle campagne di Medole: è qui che una donna di 60 anni venne aggredita e quasi stuprata da un ragazzo di 26 anni di origini marocchine, senza fissa dimora. Pur di riuscire a liberarsi la 60enne sarà costretta a mordere la lingua del suo aggressore: il giovane mollerà la presa, per poi darsi alla fuga all'arrivo del marito della signora, che solo poco prima era stato allertato da un sms.

In questi giorni è stato celebrato il processo: il 26enne è stato condannato a 5 anni di reclusione, senza attenuanti. La sua fuga quel giorno è durata poco: prima di sera era già stato raggiunto e arrestato dai carabinieri. Eravamo in pieno lockdown: la 60enne si era allontanata da casa di poche centinaia di metri, in sella alla sua bicicletta.

La cronaca di una terribile giornata

Ma nelle campagne del paese qualcuno aveva cominciato a seguirla. Preoccupata, la 60enne manderà subito un messaggio al marito. Nel frattempo l'aggressione si compie: viene raggiunta dal 26enne che comincia a molestarla con una serie di proposte sconce. Al rifiuto della donna, le sarebbe saltato letteralmente addosso.

Prima spinta a terra, poi tenuta ferma mentre la toccava e si stava togliendo i pantaloni: in preda alla morsa del suo aguzzino, è in quel momento che la donna reagisce e lo morde. Alla lingua. Un male tremendo, che costringe il giovane ad alzare le mani, per qualche attimo. Quanto basta per prendere tempo, finché non arriverà il marito. Il resto è storia nota. Adesso anche giudiziaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

BresciaToday è in caricamento