Cronaca

Rubano in albergo: medico bresciano denunciato assieme alla madre

Tre donne bresciane sono state denunciate dai Carabinieri per il furto di oggetti di un valore superiore ai 1500 euro in una struttura termale di Manciano, in Maremma. Tra di loro anche un medico di 55 anni e la madre di 81

La refurtiva nell'immagine diffusa dai Carabinieri di Grosseto

Una famiglia tutt’altro che bisognosa, una vacanza in un lussuoso centro termale della Toscana, un’abitudine che si trascina chissà da quanto ma che adesso potrebbe essere stata definitivamente interrotta grazie all’intervento dei Carabinieri. E’ successo a Saturnia, in Maremma, e i protagonisti sono tutti bresciani: un medico, la madre di 81 anni, la cugina e il figlio della dottoressa, un 13enne.

Sono stati fermati ad un posto di blocco, e tutti denunciati tranne il minore. In macchina infatti il medico – una donna di 55 anni – nascondeva davvero di tutto: ombrelli, asciugamani e teli da bagno, saponette e accappatoi di varie misure, piatti di porcellana e bicchieri, tazze e quant’altro. Roba che tutta insieme poteva valere più di 1500 euro.

Oggetti rubati nel corso dei pochi giorni di vacanza in una struttura termale di Manciano, come detto in Maremma. Refurtiva poi restituita alle terme, dove pare che nessuno si fosse ancora accorto di nulla. La famiglia e il carico sono stati fermati e controllati lungo la strada per Pitigliano: ad insospettire i militari la gran quantità di ‘doppioni’ nascosti tra i sedili e nel bagagliaio della Mercedes della donna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubano in albergo: medico bresciano denunciato assieme alla madre

BresciaToday è in caricamento