Cronaca Villaggio Prealpino

La polizia arriva in un'officina, ma è tutto abusivo: quattro meccanici nei guai

Blitz della Polizia di Stato in un'officina abusiva al Villaggio Prealpino: beccati quattro meccanici non autorizzati, denunciato anche il proprietario

Foto d'archivio

La Polizia di Stato ha sequestrato un'officina abusiva, denunciato il proprietario dell'immobile e i meccanici che stavano esercitando senza autorizzazione: la scoperta in uno stabile al Villaggio Prealpino, e quasi per caso. Gli agenti della Questura infatti, in collaborazione con il Reparto prevenzione crimine, erano sulle tracce di un automobilista che aveva finto di aver perso la patente, quando invece gli era stata ritirata per guida in stato di ebbrezza.

L'uomo è riuscito a farla franca, momentaneamente, perché gli agenti sono stati chiamati a intervenire per un'altra emergenza, e non sono riusciti a completare tutte le verifiche del caso. Grazie alla targa sono però riusciti a risalire al suo indirizzo, appunto al Prealpino, e a intercettarlo e denunciarlo.

L'officina abusiva

Allo stesso tempo però gli agenti di polizia si sono accorti dell'officina abusiva. Al loro arrivo hanno notato quattro uomini, tutti stranieri e a quanto pare di origini senegalesi, che stavano armeggiando su alcune auto smontate. Alla vista dei poliziotti uno di loro è scappato, facendo perdere le sue tracce, gli altri sono stati tutti identificati e denunciati.

Le denunce

Nei guai è finito, ovviamente, anche il proprietario dell'immobile (un italiano) che era stato adibito a officina abusiva. In particolare è stato denunciato, in ambito penale, per violazioni nella gestione e nello smaltimento dei rifiuti, anche pericolosi. Tutto il materiale recuperato, dalle attrezzature alle automobili, è stato posto sotto sequestro. Sigilli anche allo stabile dov'era stato allestita l'officina fuori norma, almeno fino a nuovo ordine.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La polizia arriva in un'officina, ma è tutto abusivo: quattro meccanici nei guai

BresciaToday è in caricamento