rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Cronaca

Colpita da una scheggia di metallo, operaia muore dissanguata

Il dramma in fabbrica, alla BCL di Suzzara

Un'altra tragedia sul lavoro a poche decine di chilometri dalla provincia di Brescia. Non in itinere, come per la morte di Cristian Poletto lunedì pomeriggio a Ospitaletto, ma in fabbrica: intorno a mezzogiorno l'incidente alla BCL di Suzzara, nella Bassa Mantovana, azienda di carpenteria leggera specializzata in tranciatura, stampaggio e saldatura di lamiere e freddo e nella lavorazione di tubi.

La vittima è la 60enne Maura Marangoni: abitava a Motteggiana, provincia di Mantova. L'allarme è scattato intorno a mezzogiorno: mentre stava lavorando a una pressa, la donna sarebbe stata colpita alla gola da una scheggia di metallo di una lastra. Il ferro l'ha trafitta tranciandole la giugulare: inutili i soccorsi, la 60enne è morta dissanguata.

Il dramma in azienda

I colleghi hanno subito allertato il 112. La centrale operativa ha inviato sul posto l'automedica e un'ambulanza della Croce Rossa di Suzzara, mentre da Parma è stato fatto decollare l'elicottero. All'arrivo dei sanitari, purtroppo, non c'era più niente da fare. La salma è stata ricomposta e ora è a disposizione dell'autorità giudiziaria, che ne ha già disposto l'autopsia: trattandosi di infortunio sul lavoro, i rilievi sono stati affidati ai tecnici del Psal dell'Ats Val Padana, con il supporto dei Carabinieri di Gonzaga. Sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco del comando provinciale di Mantova. Sull'accaduto è stata aperta un'inchiesta: il macchinario su cui stava lavorando è ora sotto sequestro. Maura Marangoni era vedova e lascia due figli: le mancavano pochi mesi alla pensione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpita da una scheggia di metallo, operaia muore dissanguata

BresciaToday è in caricamento