Cronaca

Donna morta dopo liposuzione: medico indagato per omicidio colposo

Una sofferenza lunga nove mesi per la giovane Ana Maria Cracium, rumena di 36 anni che l'estate scorsa si era fatta operare di liposuzione in una clinica di Milano. E' morta all'Hospice di Orzinuovi

Nove mesi di agonia infinita, che purtroppo si è conclusa nel peggiore dei modi: una fascite necrotizzante non più curabile, non c'è stato più niente da fare. Si è spenta giovedì mattina dopo un lungo calvario la giovane donna Ana Maria Cracium, 36 anni, arrivata la scorsa estate dalla Romania per sottoporsi a un intervento di liposuzione all'addome, ai glutei e alle cosce.

Insieme a lei il fidanzato, che non l'ha mai abbandonata: sulla morte della donna indaga la Procura, che ha già aperto un fascicolo d'indagine per omicidio colposo nei confronti del dottor Mattia Colli, il medico chirurgo che l'avrebbe operata mesi fa nella centro di chirurgia estetica di Via Podgora a Milano.

Stando a quanto ricostruito dal legale della donna deceduta, l'avvocato Laura Gravina, la giovane Ana si sarebbe sentita male già poche ore dopo l'operazione. La cronaca di un calvario: la donna e il fidanzato sarebbero rimasti qualche giorno in albergo, lei sottoposta a terapia antibiotica prima di tornare a casa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna morta dopo liposuzione: medico indagato per omicidio colposo

BresciaToday è in caricamento