Esce a funghi con il fratello, precipita per 200 metri e muore sul colpo

E' morta sul colpo la 63enne Martina Mendeni di Bienno, infermiera in pensione che giovedì mattina era per funghi nei boschi del paese

Foto d'archivio

Un volo di 200 metri che non le ha lasciato scampo, sotto gli occhi attoniti del fratello che non ha potuto fare niente per salvarla: è morta così la 63enne Martina Mendeni di Bienno, infermiera in pensione che è precipitata in un dirupo nella tarda mattinata di giovedì, poco prima di mezzogiorno sui boschi che stanno proprio sopra il paese.

Era uscita per funghi, in compagnia del fratello, come tante, tantissime volte nella sua vita. Strade e sentieri che conosceva bene, e che invece stavolta l'hanno tradita: la dinamica dell'accaduto deve ancora essere ricostruita in ogni dettaglio. Ma sembra che Mendeni abbia messo un piede in fallo, senza volerlo, dove la roccia o i sassi erano instabili.

Un volo fatale di oltre 200 metri

Le sarebbe dunque letteralmente mancata la terra sotto i piedi, fino a farla precipitare nel vuoto. E' precipitata per più di 200 metri, morta sul colpo. Non è stato facile riuscire a raggiungerla. Gli operatori del Soccorso alpino, con il supporto dell'elicottero del 118, si sono calati nel crepaccio per recuperare la salma della donna.

Il corpo riposa all'obitorio dell'ospedale di Esine, in attesa del nulla osta per i funerali. Era molto conosciuta in paese, nubile e senza figli, da pochi anni in pensione. La piangono le sorelle Sofia, Maddalena e Monica, i fratelli Tiziano, Gianmario e Bortolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • Tragico infortunio sul lavoro: morto giovane operaio

  • Da pochi mesi in Indonesia, morto a 42 anni Davide Savelli

  • Le prime cinque aziende bresciane per fatturato

  • E' morto Menec: la sua storica trattoria meta di celebrità e calciatori

  • Schianto frontale nella notte: auto sventrata, morto un uomo

Torna su
BresciaToday è in caricamento