Allarme rosso nella notte: "Un uomo sta annegando". E invece sono reti da pesca

L'allarme è stato lanciato ieri sera a Vello di Marone, mentre infuriava il temporale: un passante ha notato una boa a largo e ha chiamato i soccorsi. Ma era una segnalazione di reti da pesca

Allarme rosso dalle rive del lago d'Iseo, per fortuna immediatamente rientrato: durante il forte temporale di giovedì sera un passante ha notato una boa a largo del pontile di Vello di Marone, e ha chiesto aiuto immaginando si trattasse della boa di un sub rimasto in acqua e dunque in difficoltà.

Visto il tempaccio (pioggia e forte vento, forse anche qualche chicco di grandine) la centrale operativa del 112 ha inviato sul posto i soccorsi in forze: i Vigili del Fuoco (da terra, da Sale Marasino e dal lago, da Montisola), ambulanza e carabinieri.

Sotto l'acqua i soccorritori hanno seguito le indicazioni del cittadino, e hanno raggiunto la boa. Non era la boa di un sub, ma uno strumento di segnalazione di un pescatore, per le sue reti da pesca. Allarme rientrato, per fortuna: certo non è stata poca la mobilitazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

  • Coronavirus in Lombardia: 100 persone a rischio, 70 vanno in quarantena

Torna su
BresciaToday è in caricamento