Bresciano ostaggio dell'Isis, la minaccia: "Tre giorni e lo uccidiamo"

Un messaggio su Facebook terrorizza i bresciani: i presunti rapinatori di Sergio Zanotti, imprenditore di Marone, annunciano di volerlo uccidere entro tre giorni

Un miliziano dell’Isis (foto d’archivio)

A intercettare per primo il suo messaggio il quotidiano Il Mattino: i giornalisti sarebbero rimasti per circa due ore in contatto con A.J., mentre veniva allertata anche l'intelligence. “Non mi credi? Allora ti mando una foto”, scrive il presunto jihadista.

E le foto arrivano: una pistola, il passaporto di Zanotti, un biglietto che reca una data scritta a penna (16 febbraio 2017). “Siamo in Siria, sono mesi che abbiamo contattato il Governo italiano – scrive ancora A.J. - ma a quanto pare a loro non interessa salvare una vita”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La minaccia è concreta, almeno così sembra: “Gli faremo fare la stessa fine di Failla e Piano”, che poi sono i due ostaggi che lo scorso anno sono stati uccisi in Libia. E non è ancora finita. “Abbiamo con noi anche altri ostaggi, e di diverse nazionalità”, continua il jihadista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: in Lombardia 293 nuovi contagi, a Brescia altre 8 croci

  • Terribile incidente: ciclista sbanda e muore schiacciato da un camion

  • Coronavirus: assalto per la movida, Del Bono costretto a chiudere Piazzale Arnaldo

  • Terribile schianto frontale, auto distrutte e 3 feriti: uno è grave al Civile

  • Brescia: tutte le attività commerciali aperte e che fanno consegna a domicilio

  • Si butta dalla finestra di casa, giovane uomo muore suicida

Torna su
BresciaToday è in caricamento