menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marino Marelli (Fonte: Facebook)

Marino Marelli (Fonte: Facebook)

Una vita per gli altri, stroncata da una malattia: le lacrime per Marino

Fondatore e presidente di un’associazione di volontariato di Cellatica, Marino Marelli è stato stroncato nei giorni scorsi da un brutto male che credeva di aver sconfitto. Alla fine degli anni ’80 aveva perso la moglie in un drammatico incidente stradale.

Una vita segnata da un dolore profondo, la prematura scomparsa della moglie, ed interamente dedicata agli altri, stroncata da un brutto male. Marino Marelli si spento lunedì mattina, ucciso da una terribile malattia che credeva di aver sconfitto e che invece è tornata più forte di prima e non gli ha lasciato scampo. Aveva 70 anni, la maggior parte dei quali trascorsi a prendersi cura delle sue figlie e a promuovere iniziative sociali.

Fondatore e presidente dall’associazione Cellatica per le Missioni Onlus, contribuì alla creazione di numerose opere in Tanzania, tra cui un ospedale. “Ricordiamo Marino per il bene che ha seminato nella sua vita e per il suo impegno a favore degli altri. Ha speso bene i talenti che ha ricevuto!” Si legge sui social.

Elettricista prima, tecnico di laboratorio alla Poliambulanza poi, ha cresciuto due figlie da solo dopo la morte della moglie, deceduta nel 1988 in un tragico incidente stradale. Ed è proprio attorno alle sue figlie che in queste ore si sta stringendo la comunità di Celllatica. L’ultimo saluto sarà celebrato giovedì, alle 10, nella chiesa parrocchiale di San Giorgio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia è zona arancione: tutte le regole in vigore da domani

Coronavirus

Dati sbagliati dalla metà di ottobre: così la Lombardia ha "sballato" i conti

Coronavirus

Covid: 43 casi in una settimana, in paese è allerta massima

Coronavirus

Focolaio Covid in paese: il sindaco chiude tutte le scuole

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento