menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ospedale di Romano di Lombardia

L'ospedale di Romano di Lombardia

"Vostra madre ha carenza di sodio": dimessa dall'ospedale, muore 2 giorni dopo

I familiari dell'84enne Maria Teresa Macetti, morta al Mellini di Chiari, hanno denunciato per omicidio colposo l’ospedale di Romano di Lombardia

L’ospedale di Romano di Lombardia è stato denunciato, per omicidio colposo, dai familiari di Maria Teresa Macetti, 84enne di Cividate al Piano, provincia di Bergamo, morta venerdì scorso in ospedale a Chiari, dopo essere stata ricoverata (e dimessa) a Romano, e poi ancora ricoverata nell’ospedale bresciano, ma in condizioni critiche.

Mercoledì scorso il primo ricovero

Lo scrive L’Eco di Bergamo: Macetti era stata ricoverata la prima volta il 19 giugno, al pronto soccorso di Romano. Come riferiscono i figli, la donna si sentiva stanca, in affanno, con fortissimi dolori allo stomaco: dopo una serie di esami e check-up, intorno alle 19 era stata dimessa. Senza prognosi, se non una iponatremia (carenza di sodio) e sintomi di depressione da curare con qualche pastiglia.

Passano poche ore e la donna si sente male, di nuovo. Gli stessi dolori del giorno prima, ma stavolta c’è anche la pressione alta: è il medico di base a consigliare ai familiari di portarla subito in ospedale. Viene ricoverata a Chiari, dove i medici le avrebbero diagnosticato un infarto in corso, addirittura dal giorno prima.

Morta in ospedale: indaga la Procura

Passata la notte, le sue condizioni si aggravano venerdì: doveva essere operata, ma non c’è stato tempo. Maria Teresa è morta in ospedale. E i familiari adesso chiedono giustizia: i figli Maria Santina e Giambattista hanno denunciato quanto accaduto ai carabinieri di Martinengo. La vicenda è già sul tavolo della Procura, che potrebbe predisporre l’autopsia sul corpo della donna.

Anche in ospedale a Romano di Lombardia s’indaga: la dirigenza dell’Asst che ha competenza sul nosocomio, ha già annunciato la costituzione di una commissione interna d’inchiesta, che possa fare chiarezza su quanto successo il 19 giugno scorso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento