800mila euro di incassi in nero? A processo il figlio di Frank Seramondi

A causa delle centinaia di migliaia di euro in contanti ritrovate nell’abitazione della coppia uccisa alla Mandolossa, il figlio finirà davanti al giudice.

Nessuna estorsione, nessun giro di usura, nessun traffico illecito né giro di riciclaggio: i circa 844mila euro in contanti ritrovati tra l'abitazione dei coniugi Francesco Seramondi e Giovanna Ferrari, quella del figlio, del fratello e della contabile, sarebbero frutto di incassi in nero della celebre pizzeria della Mandolossa. La notizia è emersa all’indomani della tragica fine dei coniugi ed ora, a distanza di due anni, c’è la data del processo, che verrà celebrato l’11 maggio prossimo. 

A finire sul banco degli imputati nel processo con rito abbreviato sarà Marco Seramondi. L’accusa è quella di avere accumulato denaro ricavato dalla vendita in nero, sul quale perciò non sono mai state pagate le tasse. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il dramma di Matteo, papà di due bambini: ucciso dalla malattia a 38 anni

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

  • Si compra la cocaina con i soldi delle multe: sospeso agente della Locale

Torna su
BresciaToday è in caricamento