Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

L'addio a Marco, stroncato da un infarto a 37 anni: "Bontà e umanità"

Si è sentito male mentre camminava in montagna

"Breve il cammino, ma la tua bontà e la tua umanità sono preziose per tanti": così la famiglia ha voluto ricordare Marco Oberti, 37 anni, stroncato da un infarto mentre si trovava insieme a un amico sulle montagne sopra Ardesio, a pochi chilometri in linea d'aria dal Pizzo della Presolana e dalla Valcamonica. Si sarebbe sentito male mentre camminava, forse per il caldo: in attesa dei soccorsi, è stato rianimato con il defibrillatore grazie al tempestivo intervento dei ragazzi del Cre (il centro ricreativo estivo) di Torre Boldone.

Sabato pomeriggio i funerali

Trasferito d'urgenza in elicottero all'ospedale di Bergamo, è arrivato in condizioni disperate: tempo poche ore e ne è stata dichiarata la morte cerebrale. Come da sua volontà, saranno donati gli organi. Marco Oberti abitava a Vall'Alta, frazione di Albino (Bergamo): lascia nel dolore i genitori Luciana e Ugo, i fratelli Diego con Ellen e Fabio con Chiara, la sorella Francesca con Angelo, gli zii e i cugini. Il funerale sarà celebrato sabato pomeriggio, alle 17 nella chiesa parrocchiale di Vall'Alta di Albino. Dopo la laurea in lingue straniere, aveva lavorato anche all'aeroporto di Orio al Serio: da tempo era dipendente Aruba.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'addio a Marco, stroncato da un infarto a 37 anni: "Bontà e umanità"
BresciaToday è in caricamento