rotate-mobile
Cronaca Sirmione

Incidente in agriturismo: muore schiacciato dal trattore a soli 26 anni

Il dramma del giovane Marco. Era figlio di Daniele Accordini, direttore generale di Cantina Valpolicella Negrar, con una sede e un wine shop anche a Sirmione

Stava lavorando nel podere di famiglia, nell'agriturismo di Mazzurega, nella valle di Fumane in Valpolicella, in località La Cà: ma qualcosa è andato storto, poco dopo le 8, il giovane è rimasto schiacciato dal trattore che stava manovrando, morto sul posto a causa delle gravi ferite riportate. E' il 26enne Marco Accordini la vittima del tragico incidente sul lavoro di martedì mattina: a nulla è servito, purtroppo, il pronto intervento dei soccorsi, automedica e ambulanza e anche uomini e mezzi dei Vigili del Fuoco di Bardolino e Verona.

La dinamica dell'accaduto è ora al vaglio di carabinieri e personale Spisal, i tecnici del lavoro dell'agenzia veronese di tutela della salute. Tutto il paese è sotto shock, e non solo: la famiglia Accordini è conosciuta in tutta la provincia e anche sul lago di Garda. Il 26enne era figlio di Daniele Accordini, direttore generale ed enologo di Cantina Valpolicella Negrar, gruppo Domini Veneti: ha una sede e un wine shop anche a Sirmione.

La tragedia

Il giovane Marco era laureato in Viticoltura ed enologia, corso interateneo con l'Università di Trento presso il Centro agricoltura alimenti e ambiente, che ha sede in Fondazione Edmund Mach a San Michele all'Adige: grande appassionato del suo lavoro, sempre pronto a fare propri gli aspetti più innovativi dell'accoglienza alberghiera, che metteva in pratica nel wine relais di famiglia.

"Daniele era molto fiero di suo figlio, una stima reciproca - il commento di Renzo Bighignoli, presidente di Cantina Valpolicella Negrar - visto che con la scelta degli studi Marco aveva deciso di seguire le orme del padre. La presidenza, il Cda, la direzione, i dipendenti e i soci si stringono con tanto affetto a Daniele e alla moglie Eleonora in questo momento di grande dolore". In occasione dei funerali la cantina, il wine shop e l'osteria del marchio rimarranno chiusi per tutto il giorno.

Il cordoglio

L'ultimo saluto è programmato per venerdì mattina alle 10, nella chiesa di Pedemonte. Tantissimi i messaggi di cordoglio arrivati in queste ore alla famiglia. "Siamo sgomenti e pieni di dolore per la tragedia che ci ha portato via il nostro giovane collega Marco Accordini - scrive Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi - La vita ancora una volta ci mette a dura prova e purtroppo il destino ci travolge e ci annulla. Sappiamo che non ci sono parole o gesti che possano colmare un così grande vuoto e un così immenso dolore. Lasciamo che Marco viva nei nostri cuori per la sua inaspettata scomparsa".

Dall'inizio dell'anno, come riporta l'Osservatorio indipendente di Bologna, in Italia già si piangono 719 vittime sul lavoro, quasi quattro al giorno. Il povero Marco è soltanto l'ultimo di una lunga serie. E' la Lombardia la regione più colpita, con 49 vittime sui luoghi di lavoro (a cui vanno aggiunti i morti in itinere): la provincia di Brescia detiene il triste primato italiano, con 13 vittime, più di Milano (12).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente in agriturismo: muore schiacciato dal trattore a soli 26 anni

BresciaToday è in caricamento