Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Drone dei carabinieri, svelata la truffa delle mucche 'fantasma' da 200mila euro

Il blitz dei Carabinieri Forestali dopo mesi di monitoraggio, anche con il drone: in Val Trompia denunciati tre allevatori bresciani accusati di truffa per oltre 200mila euro

Foto di repertorio

Anche con riprese aeree, con l'ausilio di droni, è stato verificato che i pascoli in questione non sono mai stati “caricati”, e al termine della stagione l'erba era ancora alta. Un segno inequivocabile, spiegano i militari, dell'assenza di animali al pascolo.

“Queste condotte illecite risultano particolarmente lesive del paesaggio tradizionale delle alpi lombarde – fanno sapere i militari in una nota – ma anche dell'economia locale: il mancato pascolamento di queste zone di montagna comporta una progressiva erosione di questi biotopi a favore del bosco, che con gli anni si riappropria degli spazi, perdendo per sempre paesaggi tradizionali che hanno fatto la storia dell'economia montana della nostra Regione”.

Oltre al danno ambientale, quello pratico: gli imprenditori che agiscono nell'illecito sottraggono risorse e finanziamenti pubblici agli allevatori onesti. I tre denunciati comunque rischiano grosso: non solo dovranno restituire gli immeritati 200mila euro, ma finiranno a processo con la possibilità di una pena massima fino a 6 anni di reclusione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Drone dei carabinieri, svelata la truffa delle mucche 'fantasma' da 200mila euro

BresciaToday è in caricamento