«Volevate allontanarci a tutti i costi»: il messaggio dell'assassino alla madre di Mara

Dopo aver ucciso la fidanzata a bastonate, il marocchino 32enne Moustafa El Chani ha mandato due messaggi vocali alla madre di Mara Facchetti e ad una sua amica.

Fonte: Facebook

Solo una volta che è stata svegliata dai carabinieri, che avevano trovato l'auto della figlia abbandonata nei campi, la madre di Mara Facchetti ha visto che sul cellulare c'era un messaggio vocale ricevuto nella notte dal fidanzato della figlia: così, direttamente dalla voce dell'assassino, la donna ha scoperto che sua figlia era stata uccisa. Con il passare delle ore emergono ulteriori dettagli dell'efferato omicidio della 46enne residente a Brandico, madre di una piccola di soli cinque anni.

Il corpo di Mara giaceva inerme a terra, lungo la riva di un fosso tra i campi di Azzano Mella. L'assassino, il 32enne Moustafa El Chani, aveva da poco martoriato il capo e il volto della fidanzata con un bastone corto ma massiccio, trovato chissà dove (pare non sia stato staccato da una delle piante nei pressi del luogo del ritrovamento della donna). In preda alla disperazione, con l'intento di uccidersi, il marocchino ha utilizzato il cellulare della fidanzata per spedire due messaggi vocali, uno ad un'amica della donna («L'ho ammazzata»), l'altro, più lungo, alla madre. La parole dell'uomo sono riportate da Bresciaoggi: «Volevate allontanarci a tutti i costi. Le avete detto di chiamare i carabinieri. Guardate cosa avete fatto. Lei è morta, adesso muoio anch'io. Auguri». 

Poche parole, forse le ultime pronunciate prima di uccidersi, appendendosi a una corda tesa sulla trave di un'altalena, in un parco pubblico raggiunto dopo una camminata solitaria nella notte, distante due chilometri da dove è stata uccisa Mara. In queste parole emergerebbero i problemi nella relazione tra i due, le preoccupazioni e - a quanto pare - le ostilità della famiglia di Mara nei confronti dell'immigrato, irregolare sul territorio italiano, che si manteneva grazie ai proventi della droga.

In attesa dei risultati dell'autopsia (solo allora si potranno fissare le date dei funerali), gli investigatori sono al lavoro per ricostruire le ultime ore della coppia, cercando di definire i loro spostamenti, cercando di capire come e perché Mara è stata uccisa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento