rotate-mobile
Venerdì, 26 Novembre 2021
Cronaca

"Avete finito le scuse, abbiamo poco tempo!": 10mila bresciani in piazza per l'ambiente

Diecimila mila persone hanno preso parte alla versione bresciana del terzo "Global strike for future", sfilando venerdì mattina per le strade della città

La Terra chiama e Brescia risponde. Compatta. Un oceano di persone ha attraversato le strade del centro città, scandendo all'unisono lo slogan della protesta: "Ci avete rotto i polmoni".

"Emergenza" gridano in migliaia: 10 mila le presenze alla partenza del corteo da piazza Arnaldo, secondo una prima stima della Questura. Cartelloni in mano, e volti dipinti di verde, rosso e azzurro,  sfilano per Corso Magenta, corso Zanardelli, piazza Vittoria e piazza Loggia, invitando tutti ad unirsi alla manifestazione per salvare il pianeta. "Scendete a protestare" hanno gridato ad alcune studentesse del liceo Arnaldo, che si sono affacciate alle finestre della scuola per assistere al passaggio del festoso e coloratissimo serpentone.

Global strike for future © Bresciatoday.it

Proprio all'ombra del palazzo del potere cittadino è stato allestito il palco, dal quale sono state ribadite le ragioni del Global strike for future, lo sciopero mondiale per il clima indetto per sottolineare lo scarso impegno dei politici contro i cambiamenti climatici. Un grido d'allarme mondiale, lanciato da Greta Thunberg, al quale Brescia ha risposto in massa.

"Questo non è sciopero qualunque, ma è la madre di tutti gli scioperi per il futuro globale" urlano dal palco allestito nella principale piazza cittadina.
Una protesta transgenerazionale: nel corteo i volti di tantissimi ragazzi, ma pure di bambini, di adulti e di nonni. C'è la neo mamma che tiene in braccio il suo piccolo, l'adolescente che stringe la mano del fratellino, il papà che accompagna fiero il suo figlioletto.

Ci sono gli studenti, migliaia e migliaia, che domani sul libretto potranno scrivere "Assente per salvare il pianeta". Ma pure i lori insegnati e le associazioni bresciane che da anni lottano per salvare la provincia dell'inquinamento: dal circolo cittadino di Legambiente, alla mamme di Castenedolo, alla rete bresciana antinocività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Avete finito le scuse, abbiamo poco tempo!": 10mila bresciani in piazza per l'ambiente

BresciaToday è in caricamento