Arrestato il pusher dei ragazzini: spacciava davanti alla chiesa e al parco

Secondo i carabinieri il 21enne era un 'pusher di spicco' tra i giovanissimi

I carabinieri della stazione di Manerbio, al termine di un'articolata attività investigativa, hanno arrestato un 21enne marocchino, in regola con il permesso di soggiorno, nullafacente e censurato. Le indagini hanno consentito ai militari di stroncare una fitta rete di spaccio di sostanze stupefacenti, hashish e marijuana,  gestita dal giovane a Manerbio.  

Il 21enne "era diventato un pusher di spicco per lo spaccio ai giovanissimi" si legge in una nota diramata dall'Arma. Lo smercio di droga avveniva nei luoghi di ritrovo dei ragazzi, come la piazza di fronte alla chiesa, quella del cinema, il parco comunale o il parcheggio del centro commerciale. Circa una trentina i clienti: si tratta di 20enni ma anche di minorenni. In attesa del processo, il giovane pusher si trova ai domiciliari.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Marocchino cazzo! Una mano di legnate e rispedire a casa sua! In Marocco non c’è guerra e questo coglione va rimpatriato!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Al volante senza patente: folle fuga contromano, poi tenta di investire i carabinieri

  • Incidenti stradali

    Violento schianto all'incrocio nella notte: tre feriti, due sono giovanissimi

  • social

    C'è una nuova panchina gigante: la vista sul lago e su Montisola è stupenda

  • Cronaca

    Assalto al centro commerciale: vetrina sfondata, colpo al bar da migliaia di euro

I più letti della settimana

  • Uccisa da un malore mentre sta pulendo casa: addio a Silvia

  • Maxi-sequestro da 130mila metri quadri: rifiuti tossici, falda contaminata

  • Auto sbanda in curva, poi la tragedia: chi era la vittima

  • "Adesso mi ammazzo!": torna a casa ubriaco, si accoltella davanti ai genitori

  • Milano, incidente in A8: morto Maykoll Calcinardi di Riva del Garda

  • La disperazione per la morte di Leonardo: "Eri un ragazzo speciale"

Torna su
BresciaToday è in caricamento