Un ricovero, segnalazioni per droga e arresti per furto: il bilancio di una notte in discoteca

Serata di lavoro straordinario per sicurezza del locale e forze dell’ordine, con gli agenti impegnati a sedare risse e identificare i responsabili di numerosi reati.

Fonte: web

Un pienone di turisti, di amanti della musica rap e, purtroppo, di delinquenti: la serata di venerdì presso la discoteca Red Clubbing di via Verdi a Manerba del Garda ha avuto come bilancio una lunghissima sequela di episodi non proprio edificanti, riportati sulle colonne del Giornale di Brescia in edicola stamane.

Ad attirare la folla di giovani (e giovanissimi) è stata la presenza di Capo Plaza, nome d'arte di Luca D'Orso, rapper salernitano classe ’98. Durante la serata è successo veramente di tutto. A pagare le spese più alte in termini di rischio per la propria salute è stata una quindicenne trasportata d’urgenza presso l’ospedale di Gavardo, dove è stata ricoverata per un’intossicazione etilica. Secondo quanto riferito dalla proprietà del locale, la minorenne non avrebbe assunto alcol all’interno della discoteca (è vietato), ma avrebbe bevuto prima di arrivarci. 

Diversi i furti verificatisi durante la serata: tre ragazzi sono stati arrestati perché ritenuti responsabili del furto di una borsa, altri si sono resi protagonisti di numerosi tentativi - alcuni andati a buon fine - di strappi di catenine dal collo dei legittimi proprietari. Infine un ladro è stato beccato con le mani nel sacco - ha confessato agli agenti della Polizia locale - mentre rubava una bicicletta. 

Non potevano mancare la droga (cinque ragazzi, di cui quattro minorenni, sono stati segnalati in quanto utilizzatori di sostanze stupefacenti) e le risse: per tutta la serata il personale di sicurezza all’interno del locale e i carabinieri all’esterno hanno dovuto sedare liti e spegnere focolai di alta tensione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento