Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Incidente mortale: chiesto l'arresto dell'uomo al comando del motoscafo

Svolta nel caso della morte di Umberto e Greta: i magistrati di Brescia hanno chiesto ai colleghi di Monaco di arrestare il 52enne alla guida del Riva

Il giorno dopo l'incidente i carabinieri avevano arrestato il proprietario del motoscafo Riva, che fu però rimesso in libertà poco dopo. Ora, a distanza di due settimane dalla tragica morte di due persone, arriva la richiesta di incarcerazione per l'altro turista tedesco, colui che era al comando dell'imbarcazione.

La Procura di Brescia ha emesso un mandato di arresto internazionale, trasmettendolo ai colleghi di Monaco di Baviera, per il fermo del 52enne che - su sua stessa ammissione - era al comando del motoscafo che è entrato in rotta di collisione con il gozzo di Umberto Garzarella e Greta Nedrotti, morti per le conseguenze dello scontro. Il giorno successivo all'incidente, domenica 20 giungo, il 52enne fu sottoposto all'alcol test, che diete esito negativo. Il giorno dopo ancora, lunedì, l'uomo e l'amico connazionale ritornarono in patria, cogliendo di sorpresa i magistrati. 

A questo punto si attende - per l'inizio della prossima settimana, ipotizza il Giornale di Brescia, che riporta la notizia - la risposta circa la richiesta di misura cautelare. Ricordiamo che il 52enne, al momento di attraccare con il motoscafo danneggiato dall'impatto con il gozzo, fu ripreso dalle videocamere del rimessaggio sul lungolago mentre barcollava, fino a che cadde in acqua

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente mortale: chiesto l'arresto dell'uomo al comando del motoscafo

BresciaToday è in caricamento