menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Desenzano, una barca è finita sul lungolago

Desenzano, una barca è finita sul lungolago

Danni e devastazione, acqua mai così alta: il lago "svuotato" a 150 metri cubi al secondo

Il peggio è passato, sul Garda è tornato il sole: ma da Gargnano a Sirmione la conta dei danni è milionaria. I livelli dell'acqua sfiorano il metro e mezzo sopra lo zero

Non solo il Basso Garda in balia della tempesta perfetta: anche da Salò in su vento e temporali hanno devastato il litorale e i paesi. La conta dei danni è ancora in corso: le situazioni peggiori si sono verificate in particolare a Toscolano Maderno, ma strascichi della furia del lago non sono mancati a Salò, Gargnano, Gardone Riviera.

I  livelli del lago

Anche qui il vento ha soffiato a più di 100 all'ora, con picchi registrati in tutto il lago di oltre 130 chilometri orari: pèler e vinessa i venti responsabili del disastro e che hanno scatenato la rabbia delle acque, tra l'altro a un livello mai così alto: in giornata il lago ha quasi raggiunto quota 143 centimetri sopra lo zero idrometrico, considerato un massimo storico.

Solo un paio di giorni fa le acque avevano raggiunto i 134 centimetri. Nel pomeriggio è stato aumentato il deflusso dell'acqua, fino a 150 metri cubi al secondo: per fortuna il peggio è passato, ma in serata i livelli erano ancora intorno ai 140 centimetri. A margine della tempesta, non mancano le polemiche sulla gestione dei livelli stessi: sarà una settimana “calda”.

Danni e devastazione

Tornando ai disastri, si segnalano in particolare le decine se non centinaia di ulivi spezzati o abbattuti a Toscolano. A Maderno ha pagato dazio il lungolago, tra l'altro appena riqualificato: vento e onde hanno fatto “saltare” parecchi cubetti di porfido. Lungolago chiuso per motivi di sicurezza anche a Gardone Riviera. Acqua fin quasi ai negozi anche a Salò.

Non si contano poi le piante e gli alberi caduti nel corso di tutta la giornata, le cantine allagate, gli interventi dei Vigili del Fuoco (a centinaia, in tutto il perimetro gardesano). Per fortuna nessun ferito, anche se è stato provvidenziale nel pomeriggio l'intervento della Guardia Costiera, che ha salvato un velista rimasto in balia delle onde e della tempesta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento