Cronaca

Malore mentre scala il Gavia in bici: muore un 51enne

Il cuore di un dilettante appassionato di ciclismo ha smesso di battere durante la salita verso il Gavia: inutile ogni tentativo di rianimazione.

Gian Battista Forti è morto mentre stava facendo ciò che amava di più: pedalare. Dopo tanti anni da cicloamatore, ieri mattina, sabato 16 luglio, il cuore del 51enne ha smesso di battere mentre era sotto sforzo per la salita che porta al passo tra Vallecamonica e Valfurva. Era all’incirca mezzogiorno, Gian Battista era in compagnia dei soliti amici di viaggio, giunti a Pontedilegno con un pulmino, quando si è verificata la tragedia. 

Quando il 51enne è caduto a terra, i compagni hanno immediatamente lanciato l’allarme. Sul posto sono arrivati dapprima i sanitari del gruppo “Amici del soccorso” di Pontedilegno, poi quelli del 118 di Bergamo giunti a bordo dell’eliambulanza. Nonostante i ripetuti tentativi di rianimare l’uomo, i medici hanno dovuto gettare la spugna e dichiararne la morte. 

La salma, trasportata dapprima presso la camera mortuaria del cimitero di Pontedilegno, è già stata trasferita a Vallio Terme, dove risiedeva Gian Battista (originario di Gavardo), in compagnia della moglie e delle due figlie. Oltre ad essere un praticante, il 51enne, autista presso le Terme di Vallio, da tanti anni era attivo nel Gruppo Sportivo Gavardo come organizzatore di eventi ciclistici. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Malore mentre scala il Gavia in bici: muore un 51enne

BresciaToday è in caricamento