rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Cronaca Gardone Val Trompia / Via Giuseppe Zanardelli

Donna in casa da sola sta male: l'allerta ai soccorsi parte dalla Svezia

Non rispondeva al telefono, così un parente si è preoccupato

Una triangolazione di telefonate che dalla Svezia, passando per Bolzano, ha raggiunto il centralino dei soccorsi bresciano, il tutto per salbvare una donna che si sentiva male. La vicenda, fortunatamente con lieto fine, è raccontata sulle colonne del quotidiano Bresciaoggi in edicola stamane. 

Il parente di una 29enne di origine straniera nei giorni scorsi ha provato inutilmente, diverse volte, a mettersi in contatto con la donna residente nella nostra provincia. Preoccupato, ha contattato un conoscente di Bolzano e, in un inglese stentato, ha spiegato a lui la situazione, chiedendogli di dare l'allarme. Da Bolzano dunque è partita la chiamata dei soccorsi, con un contrattempo: al telefono con la centrale, l'uomo dall'Alto Adige ha detto che la donna abitava in via Zanardelli a Brescia. 

I soccorsi sono effettivamente arrivati in corso Zanardelli a Brescia, ma a quel punto è risultato essere evidente che non si trattava della città bensì di un altro paese. Dopo una serie di verifiche, i soccorritori sono stati finalmente spediti nel posto giusto, in via Zanardelli a Gardone Val Trompia. Lì i vigili del fuoco, coadiuvati dai carabinieri, hanno forzato la porta d'ingresso ed hanno potuto finalmente soccorrere la donna che stava male.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna in casa da sola sta male: l'allerta ai soccorsi parte dalla Svezia

BresciaToday è in caricamento