Pensione abusiva per cani in aperta campagna: trovati 37 animali, 5 erano malati

Il capannone è stato sequestrato e il titolare della struttura denunciato

Una pensione abusiva per cani è stata scoperta dai Carabinieri di Verolanuova e dalle guardie ecozoofile di Brescia in località Pievedizio di Mairano. Il blitz è scattato nel pomeriggio di venerdì, dopo numerose segnalazioni giunte ai militari: all'interno di un capannone, situato in aperta campagna, sono stati trovati 37 cani. Gli animali erano rinchiusi in box di media grandezza: 5 di loro erano affetti da alcune patologie e necessitavano di urgenti cure mediche. 

A gestire la struttura era un 40enne bresciano, che è stato denunciato per maltrattamento di animali. L'uomo - di fatto - si occupava di tenere i cani in custodia mentre i padroni erano in vacanza o assenti per altri motivi: un'attività del tutto abusiva, la cui esistenza non era mai stata denunciata alle autorità competenti.

Il capannone è stato sequestrato, mentre i cani sono stati nutriti, curati e trasferiti al canile di Brescia in attesa di tornare tra le braccia dei loro padroni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Coronavirus, contagiati altri due bresciani: primo caso sospetto in città

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

  • Incidente a Pozzolengo: neonato di Lonato muore in ospedale

Torna su
BresciaToday è in caricamento