Cronaca

Un’altra tragedia della montagna: trovato morto a 1.800 metri

Il dramma si è consumato questa mattina sulle cime di Magasa, nei pressi della Malga Tombea. Ad allertare i soccorsi alcuni passanti che hanno avvistato un corpo accasciato al suolo. Dubbi sulla dinamica dell'accaduto, al vaglio dei Carabinieri

Foto di repertorio

MAGASA – Una chiamata ai soccorsi partita alle 10.30 di questa mattina: immediatamente è decollato l’elisoccorso di Brescia e parallelamente si è messa in viaggio l’ambulanza dei volontari di Nuvolento. Ai quali non è restato che constatare il decesso del corpo rinvenuto in quota.

I contorni del dramma non sono chiari. Il corpo senza vita, probabilmente di un escursionista, si trovava sulle cime di Magasa, nei pressi della Malga Tombea, a 1.800 metri di altitudine. Un tratto molto apprezzato dagli escursionisti, anche perché si collega a Cima Rest.

A chiamare il 112 sono stati alcuni passanti che hanno avvistato il corpo dell’uomo, accasciato al suolo. Purtroppo già morto, forse per un malore o forse per una caduta. 

La dinamica è al vaglio dei Carabinieri. Sul posto è intervenuto anche il Soccorso Alpino per le operazioni di recupero del corpo. 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un’altra tragedia della montagna: trovato morto a 1.800 metri

BresciaToday è in caricamento