menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Violenza sessuale sulle piccole alunne, maestro rischia 6 anni: ha già confessato

E' stato rinviato a giudizio il maestro elementare di 49 anni, residente in Valle Sabbia e arrestato dai carabinieri di Salò, che ha confessato di aver palpeggiato due bambine. E' accusato di violenza sessuale su minore

Come per la triste vicenda dell'asilo nido di Rodengo Saiano, con tre educatrici accusate di maltrattamenti e sottoposte a misura cautelare, anche in questo caso sono state le telecamere nascoste installate dalle forze dell'ordine a smascherare il terribile illecito compiuto da un insegnante. Non maltrattamenti, ma addirittura abusi sessuali, perpetrati nei confronti di due sorelline di circa 8 anni: il maestro elementare coinvolto nella vicenda è stato appena rinviato a giudizio.

Era stato arrestato, trasferito in carcere e poi ai domiciliari: si tratta di un insegnante che oggi ha 49 anni, residente in un Comune della Valle Sabbia. In passato era già stato attenzionato dai carabinieri, quando lavorava in un'altra scuola, ma niente era emerso. Stavolta invece le telecamere l'hanno incastrato, in flagranza di reato.

L'arresto in diretta

I militari della compagnia di Salò, che si sono occupati delle indagini, non aspettavano altro che un suo passo falso. Alla fine è arrivato: non appena si è trovato solo con una delle due bambine, l'avrebbe molestata palpeggiandola. Proprio come la sorella aveva raccontato ai genitori.

Circostanza che lo stesso maestro poi ammetterà in tribunale, confessando quanto di grave aveva compiuto. Attualmente l'insegnante sta seguendo un percorso di riabilitazione. Nei prossimi giorni verrà fissata la data del processo: rischia fino a 6 anni di carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quando ci si potrà spostare tra regioni: c'è una data per maggio 2021

Coronavirus

Covid, sono 51 i Comuni bresciani con dati da zona rossa: l'elenco completo

Attualità

C'è chi spacca tutto, chi tenta il suicidio impiccandosi: "Qua dentro è una polveriera"

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Cosa riapre in Italia dal 26 aprile

  • Coronavirus

    Vaccino: un bresciano su quattro ha già ricevuto almeno la prima dose

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento