Strage di gatti a Maclodio: morti avvelenati ventiquattro animali

E' successo sabato 19 gennaio presso la Cascina Torre Calini. SEL: "Sdegno per questo che è solo l'ennesimo gesto di crudele inciviltà"

Ennesima strage di gatti nel Bresciano, dopo quelle di Paratico e Sale Marasino, avvenuta in questo caso a Maclodio lo scorso 19 gennaio, presso la Cascina Torre Calini.

Ventiquattro felini accuditi da due volontari sono morti avvelenati, come dimostrano le tracce di liquido tossico trovato nelle loro ciotole. Tre di loro sono morti quasi subito, mentre per gli altri il decesso è avvenuto dopo lunghe ore di agonia.

Solidarietà ai volontari e indignazione per quanto accaduto da parte di Luigi Lacquaniti, Lonatese di SEL candidato alla Camera alle prossime elezioni politiche: "Da troppo tempo nel nostro Paese gli animali attendono pieno riconoscimento, in quanto esseri viventi capaci di provare la stessa sofferenza degli uomini e di esigenze etologiche irrinunciabili: esseri senzienti. Invito le Autorità di Maclodio ad attivarsi rapidamente per rintracciare i responsabili di questa azione vile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento