menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Annarita e Edile, le signore di Lumezzane «salvate» da Berlusconi

Due signore di Lumezzane, Annarita Bossini ed Elide Pintossi, bloccate in stazione Centrale a Milano dopo la soppressione dei treni per Brescia, sono state aiutate dal Cav a tornare a casa

Che Berlusconi sia di nuovo l'uomo della salvezza per gli Italiani, a tanti, dopo oltre vent'anni di lifting e slogan logorati, è una prospettiva che fa venir da sorridere, nei casi migliori.

Ma due signore di Lumezzane, Annarita Bossini ed Elide Pintossi, possono invece confermare che il Cavaliere, in realtà, è davvero il Salvatore, l'uomo unto dal signore.

Domenica scorsa, di ritorno da Rimini e scese a Faenza per prendere la coincidenza per Brescia, hanno scoperto che non c'era nessun convoglio disponibile a causa dello sciopero del personale.

Hanno così deciso, insieme ad altri quattro bresciani incontrati in stazione, di pretendere il treno per Milano sperando poi di poter cambiare in stazione Centrale.

Una volta arrivate, l'amara scoperta: tutti i treni per Brescia erano stati soppressi. Fuori dalla stazione, con taxi e alberghi a prezzi proibitivi, i sei bresciani discutevano su cosa fare per passare la notte.

A quel punto hanno visto scendere davanti a loro da un'auto blu, circondato dalla solita scorta, niente meno che sua Emittenza il Cavaliere Silvio Berlusconi. Annarita, dopo averlo salutato, ha deciso di raccontargli la loro situazione.


Informatosi sul numero delle persone rimaste a piedi, il Cav ha fatto un cenno a un uomo della scorta... et voilà: in pochi minuti, davanti ai sei fortunati bresciani ecco un mini-pulmino pronto per riportarli a casa. Miracoli della politica, e del portafogli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento