Perseguita la ex e minaccia il rivale con una pistola: assolto dopo 7 mesi di carcere, fa causa allo Stato

Luca Caari, 32enne originario di Palazzolo sull'Oglio, in provincia di Brescia, era stato denunciato nel marzo del 2017 per stalking dalla ex compagna.

Il tribunale di Treviso

Sette mesi dietro alle sbarre tra  il 2017 e il 2018,  in custodia cautelare per lo stalking alla ex per aver minacciato con una pistola l'uomo che considerava il suo rivale in amore. Mercoledì mattina Luca Caari, 32enne originario di Palazzolo sull'Oglio in provincia di Brescia, è stato assolto dai giudici e il suo difensore, l'avvocato Andrea Zambon del Foro di Treviso, ha preannunciato che verrà intentata una causa allo Stato per ingiusta detenzione. 

Il 32enne era stato denunciato nel marzo del 2017 dalla ex compagna, con cui aveva avuto una relazione nel 2016. Ma quando lei aveva deciso di troncare, lui avrebbe iniziato a perseguitarla.

La denuncia e l'arresto

«Mi pedinava, mi ha minacciato di morte, non potevo più vivere»: ha detto la donna. Lo stalking sarebbe andato avanti dall'agosto del 2016 fino al marzo del 2017, scandito da telefonate anche in piena notte, agguati per strada, messaggi e minacce di morte.  La pericolosità di Caari sarebbe stata confermata anche da un ulteriore episodio: il 12 marzo del 2017 si sarebbe presentato a casa dell'altro convinto di trovarci anche la ex compagna e avrebbe estratto una pistola semiautomatica e sparato un colpo a salve in aria.

Nei suoi confronti il gip di Treviso aveva emesso una ordinanza di custodia cautelare in carcere. Caari aveva trascorso 7 mesi in galera prima che la misura restrittiva venisse attenuata in divieto di avvicinamento alla parte offesa. 

Assolto da ogni accusa

In aula, quello che sembrava un solido impianto accusatorio è stato demolito dalla difesa e alla fine Caari è stato assolto. Adesso vuole essere risarcito per i sette mesi che ha trascorso in custodia cautelare nel penitenziario di Treviso.

Fonte: Trevisotoday.it
 

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Maltempo, non è finita. L'allerta della Protezione Civile: "In arrivo vento e forti temporali"

  • Orrore in reparto: ragazza di 19 anni si dà fuoco e muore avvolta dalle fiamme

Torna su
BresciaToday è in caricamento