menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Beve il popper invece di inalarlo: muore in ospedale

Tragedia sul Sebino: a perdere la vita un operaio camuno di 50 anni. Avrebbe ingerito del popper, anziché inalarlo: ricoverato in ospedale, è morto in poche ore. Indagati i suoi due amici

Tragedia sul lago d'Iseo. Un uomo di 50 anni ha perso la vita nella notte, dopo lunghe ore di agonia in ospedale: avrebbe in parte ingerito (e non inalato) il contenuto di una boccetta di popper.

Il popper è una sostanza stupefacente in forma liquida, con proprietà tossiche, assumibile per inalazione e appartenente alla classe dei nitriti alchilici. L'ingestione può portare alla necrosi del tubo digerente o alla morte per avvelenamento.

L'uomo si trovava sul lungolago di Lovere in compagnia di due amici, un 30enne bresciano e un 40enne bergamasco. La dinamica è ancora da accertare, ma sembra appunto che il 50enne abbia ingerito il popper anziché inalarlo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    Giornate FAI di Primavera 15 e 16 maggio 2021

  • Concerti

    Brescia: Omar Pedrini alla Latteria Molloy

  • Attualità

    Brescia vince il premio "Città italiana dei giovani 2021"

Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento