rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Centro / Via Lattanzio Gambara

"Contanti e favori", carabiniere sotto accusa: blitz della Finanza al Palagiustizia

Gli uomini della Guardia di Finanza hanno perquisito l'ufficio del maggiore Lorenzo Terraneo, carabiniere in forza alla Procura di Brescia dal 2010

Perquisizione della Guardia di Finanza negli uffici del Palagiustizia di Brescia: nel mirino delle Fiamme Gialle documenti, incartamenti e supporti informatici riferibili al maggiore dei carabinieri Lorenzo Terraneo, che svolge servizio di Polizia giudiziaria e lavora a Brescia ormai da otto anni, dal 2010. Le indagini sono coordinate dalla Procura di Milano.

Lo scrive il Giornale di Brescia: il maggiore Terraneo sarebbe accusato dai magistrati milanesi di aver ricevuto “contanti e favori” dalla società After Hours srl, creata con capitali esteri e fallita nel 2016, ufficialmente operante nel campo dell'abbigliamento ma che in realtà si occupava di “indagini tecniche”.

Sempre secondo gli inquirenti meneghini, a Terraneo sarebbero stati consegnati ben 37mila euro in contanti, a cui si aggiungerebbero i detti “favori” per altri 33mila euro. Non ci sono altre notizie, al momento, sullo sviluppo delle indagini.

Il carabinere è stato comunque già sentito dai magistrati, i sostituti procuratori Silvia Bonardi (per la Procura di Brescia) e Stefano Civardi (per quella di Milano). Dal punto di vista professionale, non ci sarebbe almeno per ora nessun procedimento di sospensione per il maggiore Terraneo, che tornerà ad essere operativo entro pochi giorni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Contanti e favori", carabiniere sotto accusa: blitz della Finanza al Palagiustizia

BresciaToday è in caricamento