Sub morì imprigionato nella rete abusiva: posata targa

Posata questa mattina la targa commemorativa per il sub scomparso all'inizio di quest'anno nelle acque del Sebino

Foto di repertorio

TAVERNOLA BERGAMASCA - Lorenzo Canini, 39enne originario di Villa d'Ogna poi trasferito a Ponteranica con la moglie e il figlioletto, era un sub: è morto il 3 gennaio durante un'immersione nel lago d'Iseo. 

Lorenzo era annegato a circa 15 metri di profondità, a causa di una rete abusiva nella quale era rimasto impigliato col piede.

Questa mattina, dinanzi alla Caserma dei Carabinieri, nonché alla porzione d'acqua in cui Lorenzo si era immerso senza rimergere più, questa mattina è stata posata una targa commermorativa, riferisce l'Eco di Bergamo.

Dopo la benedizione del parroco di Tavernola, la targa è stata immersa nel lago. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

Torna su
BresciaToday è in caricamento