Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Lonato del Garda

Rapinavano le coppiette appartate in auto: in manette tre ragazzi

Quattro le rapine messe a segno dalla banda di marocchini lo scorso giugno. Bussavano ai finestrini delle auto, puntavano il coltello alla gola dei malcapitati e si facevano consegnare denaro, orologi, cellulari e carte di credito

Entravano in azione in piena notte prendendo di mira le coppiette appartate in auto, alla ricerca di un po' di privacy. Bloccavano e immobilizzavano i malcapitati per farsi consegnare tutto: soldi, gioielli, cellulari e carte di credito. In alcuni casi hanno pure puntato un coltello alla gola delle vittime per farsi dare il codice segreto del bancomat.

Dopo pochi mesi, per banda che ha seminato il terrore nelle campagne di Lonato del Garda sono scattate le manette. Ad identificarli, ed arrestarli, ci hanno pensato gli agenti del Commissariato di Desenzano, diretto da Bruno Pagani.

Nei guai tre giovani marocchini: un 26enne e un 32enne residenti nel Mantovano e un 22enne di casa a Brescia, quest'ultimo è già finito in carcere. Sarebbero 4, stando a quanto finora ricostruito, le rapine da loro commesse, sempre ai danni di coppiette che si erano appartate nelle campagne di Lonato del Garda. In un solo caso una delle vittime, un 42enne residente a Carpenedolo, è rimasto lievemente ferito: per lui abrasioni e contusioni giudicate guaribili in sette giorni.

Le indagini

La svolta con l’arresto, avvenuto lo scorso 19 giugno, di uno dei componenti della banda: aveva puntato una pistola, poi risultata essere giocattolo, alla tempia di un cliente, per poi colpirlo alla testa con un pugno. I poliziotti lo avevano trovato poco dopo, nascosto nell'area giochi di un parco del lungolago. La sua auto era dello stesso tipo, modello e colore di quella segnalata in alcune rapine avvenute le notti precedente ai danni di coppiette. Nella macchina sono stati trovati anche un coltello e una pistola giocattolo, replica fedele di una Glock.

Ritenendo che il giovane fosse coinvolto anche delle rapine avvenute a Lonato, sono state svolte mirate indagini- basate su individuazioni fotografiche, sull'analisi di tabulati telefonici e delle registrazioni del sistema di videosorveglianza dei comuni di Lonato e  Desenzano del Garda-  nonché perquisizioni e sequestri, che hanno portato ad individuare i restanti componenti della banda.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinavano le coppiette appartate in auto: in manette tre ragazzi

BresciaToday è in caricamento