menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nerino Zamboni (Fonte: Facebook)

Nerino Zamboni (Fonte: Facebook)

Accoltellato alla gola dopo una lite, noto impresario in fin di vita: è mistero sul movente

Nerino Zamboni, 70enne di Lonato, è stato ricoverato in Rianimazione dopo la brutale aggressione di giovedì notte. In manette chi l'ha colpito con due coltellate.

È stato sottoposto a una delicata operazione chirurgica e le sue condizioni restano gravissime. Nerino Zamboni, impresario di Lonato del Garda, lotta in un letto di Rianimazione dopo la brutale aggressione subita giovedì notte nei pressi della stazione ferroviaria di Desenzano. Il 70enne è stato ridotto in fin di vita da due coltellate - una alla spalla l'altra potenzialmente letale alla gola - sferrate da un operaio pakistano 40enne che pare conoscesse da tempo. Tutto il paese prega per lui: conosciuto e amato, è il titolare di un'agenzia di onoranze funebri  che porta il suo nome e quello del figlio Emiliano, tragicamente scomparsa a soli 40 anni nell'estate del 2017.

Le manette per il suo aggressore sono scattate poco dopo il tentato omicidio: il 40enne è stato fermato dai carabinieri mentre cercava di allontanarsi dal luogo dell'agguato. Aveva ancora i vestiti ricoperti del sangue della vittima ed era in possesso del coltello da cucina usato per ferire gravemente il 70enne. Interrogato dai militari, non avrebbe dato alcuna spiegazione sul movente. E proprio sulle ragioni che hanno portato i due a violare il coprifuoco per incontrarsi, dopo le 23, nella zona della stazione ferroviaria di Desenzano si focalizzano le indagini degli inquirenti.

Pochi gli elementi a disposizione, per ora: non ci sarebbero ombre e nemmeno precedenti nel passato di vittima e aggressore. Il motivo che ha spinto il 40enne ad accoltellare il noto impresario resta quindi ancora tutto da chiarire. Pare che tra i due ci sia stata una furibonda lite, che avrebbe attirato l'attenzione dei residenti: sono stati loro a dare l'allarme alle 23.30 permettendo così ai carabinieri di Desenzano e ai sanitari del 118 di intervenire tempestivamente.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia è zona arancione: tutte le regole in vigore da domani

Coronavirus

Dati sbagliati dalla metà di ottobre: così la Lombardia ha "sballato" i conti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento