Preme il grilletto e il fucile esplode: cacciatore rischia di perdere una mano

Non è in pericolo di vita ma rischia di perdere le funzionalità della mano il cacciatore 61enne a cui domenica mattina è letteralmente esploso il fucile

Rischia di perdere la mano il cacciatore bresciano di 61 anni, residente in Valtrompia, vittima di un incidente durante una battuta di caccia sul lago di Garda, a Lonato in località Madonna della Scoperta. E' qui che è stato dato l'allarme, poco prima delle 8.30, dal figlio che era con lui in quel momento.

A quanto pare, mentre stava puntando il fucile su di una preda, qualcosa non avrebbe funzionato a dovere, e al momento di premere il grilletto il fucile gli è letteralmente scoppiato in faccia. Poteva andare peggio, molto peggio: anche se in un bagno di sangue, il 61enne non ha mai perso conoscenza e ha riportato ferite solo alla mano.

Trasferito d'urgenza in ospedale

Viste le sue condizioni, è stato comunque trasferito d'urgenza (in elicottero) alla clinica di Sesto San Giovanni, Milano, specializzata nella ricostruzione degli arti: i medici sono ottimisti, ma solo tra qualche ora si saprà veramente com'è andata. Sul posto anche un'ambulanza della Croce Azzura, per le operazioni di primo soccorso, e una pattuglia dei carabinieri di Desenzano, intervenuti per i rilievi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il dramma di Matteo, papà di due bambini: ucciso dalla malattia a 38 anni

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

  • Tragico incidente: Valeria Artini, promessa del volley, muore a 16 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento