Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca

La rabbia della mamma di Alex contro la discoteca: “Nessun rispetto per il mio dolore”

A tre mesi di distanza dall'improvvisa scomparsa del figlio Alex, stroncato da un infarto a soli 32 anni, parla la mamma Sabine: "Ha dato anima e corpo per loro, ma non era proprietà di quel locale". La procura di Brescia ha aperto un'inchiesta

Parte del suo cuore si è fermato lo scorso 29 giugno insieme a quello del figlio Alex, direttore artistico di una nota discoteca di Lonato del Garda, stroncato da un infarto dopo una partita di calcetto. È stata proprio lei a trovarlo riverso sul pavimento della sua abitazione di Esenta: istanti terribili che Sabine Honig difficilmente cancellerà della sua mente. Un decesso improvviso su cui ancora indaga la Procura di Brescia, che ha aperto un fascicolo contro ignoti per omicidio colposo.

A più tre mesi da quel drammatico giorno, la madre di Alex ha deciso di parlare del figlio, della fondazione creata a suo nome, ma anche della battaglia per fermare chi in questi mesi non avrebbe rispettato un lutto così terribile, continuando a sfruttare l'immagine del 32enne, nonostante le numerose lamentele. 

“Un'ora dopo aver trovato mio figlio a terra, mi è stato chiesto di consegnare il tablet che usava per lavorare, dicendomi che lo spettacolo doveva continuare senza rispetto per il mio dolore - racconta -. Per mesi ogni volta che aprivo Facebook mi arrivavano le notifiche di Alex riguardo alla partecipazione a questo o a quell'altro evento e il suo account Messenger era sempre attivo: ogni volta era una pugnalata al cuore. È stato veramente  terribile, e nonostante le continue richieste il profilo di mio figlio è rimasto aperto per molto tempo dopo il suo decesso. Alex ha dato anima e corpo per loro, ma non era proprietà di quel locale. Il suo nome e la sua immagine sono state 'taggate' per eventi ed iniziative di qualsiasi genere e non mi è mai stato chiesto il consenso. Non ho avuto altra scelta che passare alle vie legali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La rabbia della mamma di Alex contro la discoteca: “Nessun rispetto per il mio dolore”

BresciaToday è in caricamento