menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Cade dalla scala mentre lavora: morto imprenditore bresciano

Aveva 77 anni Lodovico Lizza, storico imprenditore edile della Bassa: per decenni ha gestito l'azienda Co.Im, ora passata ai figli

Spirito bresciano: a 77 anni andava ancora a lavorare sui tetti. Ma è proprio questo che gli ha procurato la morte, mercoledì mattina: Lodovico Lizza è precipitato da una tettoia probabilmente a causa di un malore. Lo ho trovato senza vita la moglie dopo qualche ora, preoccupata perché non si era fatto vivo per pranzo. Come da prassi il 112 si è mobilitato inviato sul posto ambulanza, automedica e anche l'elicottero. Niente da fare.

Lizza aveva 77 anni: viveva a Castelcovati, dov'era molto conosciuto, con la moglie Bruna, ma per decenni aveva lavorato nell'azienda di Co.Im di Castrezzato, di cui era stato il patron prima di passarla ai figli. Proprio alle spalle della Co.Im si è consumata la tragedia: Lizza stava sistemando la tettoia di un capanno che utilizzava per custodire i suoi preziosi agrumi.

Un pezzo di storia dell'imprenditoria bresciana

Dopo la pensione, infatti, si era dedicato al giardinaggio, ma non disdegnava ancora i lavori manuali  e di piccola manutenzione edile. Mercoledì mattina è caduto dalla scala da pittore su cui era poggiato mentre stava lavorando. La sua azienda è un pezzo di storia dell'edilizia bresciana: negli anni addietro ha costruito in tutto il Nord Italia, partecipando anche all'edificazione dell'ospedale Niguarda.

I rilievi sono stati affidati ai carabinieri. Dai primi accertamenti medico-legali sembra certa la morte per malore. Per questo non è stata disposta alcuna autopsia: i funerali saranno celebrati venerdì mattina, alle 9.30 nella chiesa parrocchiale di Castelcovati. Lodovico Lizza, noto anche come “Franco” o più semplicemente “Babi”, oltre alla moglie Bruna lascia i figli Gabriella e Sergio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia è zona arancione: tutte le regole in vigore da domani

Coronavirus

Dati sbagliati dalla metà di ottobre: così la Lombardia ha "sballato" i conti

Coronavirus

Covid: 43 casi in una settimana, in paese è allerta massima

Coronavirus

Focolaio Covid in paese: il sindaco chiude tutte le scuole

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento