Cronaca

Bresciani e mobilità sostenibile, un amore che sta sbocciando!

Il 28% dei cidnei pensa sia giusto diminuire l’uso della propria auto in città, il 40% sarebbe favorevole a limitazioni derivate da leggi ad hoc, il 72% degli intervistati è favorevole all’incentivazione dei servizi di mobilità alternativa di car sharing e car pooling

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

Siamo italiani e da sempre legati ad una solida tradizione motoristica, in particolare alle automobili, che rimangono in testa ai principali mezzi di trasporto scelti per spostarsi nelle città della Penisola (93%), anche se il difficile periodo in cui viviamo sta influenzando in negativo le vendite nel settore delle quattroruote, dove per Federauto il 2013 si chiuderà a quota 1 milione e 280 mila pezzi, l'8% in meno del 2012 assestandosi su valori "antichi": come nel 1979. L'ultima ricerca dell'Osservatorio Linear dei Servizi ha messo in luce la nuova tendenza dei bresciani in fatto di mobilità alternativa e responsabile, ma sempre su 4 ruote: il car sharing ed il car pooling.

Approccio ad una mobilità responsabile. Questa risulta essere la fotografia dell'Osservatorio Linear dei Servizi dello scenario bresciano, dove il 28% degli intervistati afferma di essere favorevole ad una riduzione dell'utilizzo delle automobili in città per ridurre il fatidico inquinamento. Il 40% degli intervistati proporrebbe delle limitazioni all'uso delle quattroruote derivate da nuove leggi studiate ad hoc, un altro 18% dei cidnei pensa sia utile usare sempre meno l'auto per un fattore di sicurezza delle persone. Dato importante è il 7% che sta valutando di dismettere la seconda auto di famiglia.

Si espande sempre di più la conoscenza dei servizi di mobilità alternativa ed ecosostenibile come il car sharing ed il car pooling. Ben 6 cittadini della Leonessa su dieci (63%) dichiarano di essere a conoscenza e di sapere come funzionano i due servizi di mobilità alternativa mentre un 17% non sa bene cosa sono ma ne ha sentito parlare. Solo un 15% si dichiara allo scuro sul tema.

Green si ma lentamente. Aspetto positivo è il parere dei cidnei che sono favorevoli all'incentivazione di servizi di mobilità sostenibile nella propria città: il 5% li userebbe quotidianamente, un 30% anche per viaggi extraurbani ed un 37% li utilizzerebbe all'occorrenza.

Stiamo muovendo i primi passi in un nuovo contesto di mobilità alternativa, l'Italia è all'inizio del percorso se paragonata al resto d'Europa ma negli ultimi tempi sembrerebbe che l'aria stia cambiando, l'arrivo in alcune delle principali città di compagnie specializzate in queste due realtà di mobilità sostenibile e il virtuosismo nella stessa direzione di alcuni comuni hanno dato spinta ed energia ad un tema di sicura importanza per il nostro futuro, che speriamo sia sempre più green!

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bresciani e mobilità sostenibile, un amore che sta sbocciando!

BresciaToday è in caricamento