Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Lepre impiccata nel bosco: gesto intimidatorio?

Dopo che negli ultimi mesi sono stati diversi, pare addirittura 14, i cani avvelenati, ieri mattina la scoperta di una lepre impiccata nel bosco: è accaduto in Valle Trompia, a Sarezzo

Un elaborato patibolo in legno, una corda col cappio e una lepre morta appesa al suo interno. Questa la macabra scena che si è presentata ieri mattina alla vista di Paolo Baldussi lungo la strada che da Sarezzo porta in località Obertello. L’episodio, che potrebbe essere un pesante atto intimidatorio, non è per nulla isolato e sarebbe da far rientrare nella faida che da tempo si sta verificando tra i cacciatori valtriumplini. 

La struttura è stata costruita utilizzando paletti di legno tenuti assieme e fissati con numerosi chiodi al tronco di un albero. Per realizzarlo dev’essere servito parecchio tempo, ma nessuno per ora si è fatto avanti per denunciare qualcosa. La vicenda è raccontata sulle colonne di Bresciaoggi: Baldussi l’ha scoperto intorno alle 7.30 ed ha immediatamente lanciato l’allarme ai carabinieri di Villa Carcina. Le indagini che sono partite sono condotte con l’aiuto della Guardia forestale. Da segnalare che in zona negli ultimi mesi sono addirittura 14 i cani ritrovati privi di vita, avvelenati dal cianuro: tutto lascia supporre che sia in atto una “guerra” tra non meglio precisati gruppi di cacciatori rivali.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lepre impiccata nel bosco: gesto intimidatorio?

BresciaToday è in caricamento