Gli puntano addosso pistole e coltelli, banditi rubano l'auto a due ragazzi

La disavventura di una coppia di giovani amici di Leno: venerdì sera sono stati aggrediti e derubati dell'auto. I rapinatori potrebbero far parte della banda del bancomat

Foto di repertorio

Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio: hanno accostato sul ciglio della strada per vedere se le persone che si sbracciavano avevano bisogno di aiuto, si sono trovati di fronte a dei rapinatori armati, che li hanno minacciati e derubati della loro auto. Con un risvolto ancora inquietante: i banditi potrebbero far parte della stessa banda che solo poche ore più tardi tenterà di svaligiare il bancomat di Pralboino.

Lo scrive il Giornale di Brescia: l'episodio risale a venerdì scorso, alla periferia di Leno. Due giovani amici che abitano in paese stanno probabilmente tornando a casa, intorno alle 2 sulla strada che da Ghedi appunto porta a Leno, a bordo di una Volvo. E' in quel momento che sulla strada vedono alcune persone, a piedi, che sembrano cercare aiuto.

Neanche il tempo di rallentare che si trovano di fronte a due (o forse tre) persone con il volto coperto da un passamontagna, e peggio che peggio armati di pistole e coltelli. Impossibile reagire: a fronte della minacce i due giovani sono costretti a lasciare l'auto, e a consegnarla ai banditi senza opporre troppa resistenza.

Le indagini dei carabinieri

I ladri si danno alla fuga nella notte: l'auto rubata al momento non è ancora stata ritrovata. Ma i carabinieri indagano, seguendo una pista ben precisa: come detto, i rapinatori potrebbero far parte della stessa banda che quella notte ha tentato (senza riuscirci) il colpo grosso al distributore Atm della Banca Popolare di Cremona.

Potrebbero infatti essere le cosiddette “sentinelle”, quelli a cui spetterebbe il compito di vigilare, per verificare l'arrivo di auto sospette o delle forze dell'ordine. E' grazie a loro che la banda del bancomat sarebbe stata avvisata in tempo dell'arrivo dei carabinieri, riuscendo così a dileguarsi (non dopo una fuga rocambolesca di quasi 40 chilometri, dalla Bassa al lago di Garda).

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • ringraziamo i nostri politici!

  • E' proprio cosi, "non fidarsi è meglio...."!!! Oggi come oggi ci va di mezzo la nostra vita, ahimè a discapito di chi, veramente, potrebbe aver bisogno di aiuto. Questo grazie ad una situazione di criminalità inaudita ormai fuori controllo. Con il senno di poi, meglio stare a debita distanza ed eventualmente avvisare le forze dell'ordine.

Notizie di oggi

  • Elezioni

    Diretta Comunali ed Europee 2019. Aggiornamenti e affluenza

  • Cronaca

    Rischio slavine troppo alto, niente Passo Gavia per il Giro d'Italia

  • Cronaca

    Pasta di eroina da fumare nascosta nelle mutande: fermati due ragazzini

  • WeekEnd

    Cosa fare a Brescia dal 24 al 26 maggio: i migliori eventi del weekend

I più letti della settimana

  • Professore si suicida in palestra, il corpo trovato da due studenti

  • La disperazione per la morte di Leonardo: "Eri un ragazzo speciale"

  • Si affaccia alla finestra di casa e precipita per 12 metri: muore bimba di 9 anni

  • Al volante ubriaco dopo un matrimonio, si schianta in auto con i tre figli piccoli

  • Stroncata dalla malattia, muore madre di famiglia: il dolore di figli e marito

  • Grandine e nubifragi nel Bresciano: strade allagate, traffico nel caos

Torna su
BresciaToday è in caricamento