Cronaca Porzano

Laboratorio clandestino dentro una villa: cuciva abiti per le griffe dell'Alta Moda

Il blitz dei carabinieri e dei tecnici dello Psal martedì sera: nel laboratorio tessile, situato a Porzano di Leno, lavoravano 4 cittadine cinesi, di cui due clandestine

I carabinieri nel laboratorio clandestino

Prima i sospetti, poi il blitz e le conferme: in quel garage non entravano e uscivano auto, ma lavoratrici in nero e in alcuni casi pure clandestine. Il grande locale situato sotto una villa di Porzano di Leno era da tempo stato adibito a fabbrica di vestiti: al suo interno alcune donne di origine cinese cucivano e assemblavano abiti firmati, per conto di note marche d'abbigliamento.

A porre fine all'attività clandestina ci hanno pensato i carabinieri di Verolanuova, che mercoledì sera hanno effettuato un’ispezione all'interno del box. All'operazione hanno preso parte anche i militari del Nucleo Ispettorato Lavoro di Brescia e i tecnici del  Servizio Psal (Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro) dell’Ats.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Laboratorio clandestino dentro una villa: cuciva abiti per le griffe dell'Alta Moda

BresciaToday è in caricamento