Epidemia di polmonite: il ceppo di legionella nei malati è lo stesso riscontrato nelle torri

A distanza di tre settimane dallo scoppio dell'emergenza, arriva una conferma dalle analisi, mentre un nuovo Comuno risulta essere coinvolto

"Legionella pneumophila sierogruppo 2-14": sarebbe questo, e non il più diffuso "legionella pneumophila sierogruppo 1", responsabile del 90% delle infezioni in Italia, il ceppo di legionella riscontrato sia nei pazienti sia nelle torri di raffreddamento di alcune aziende situate tra Carpenedolo e Calvisano. Se l'indiscrezione, riportata stamane dal quotidiano Bresciaoggi, fosse confermata, si tratterebbe di una prima conferma circa la correlazione tra le torri di raffreddamento e la malattia, anche se negli ultimi giorni le analisi effettuate, sui dati delle centraline meteo, delle correnti di vento, da fine agosto in poi, hanno evidenziato che la direzione del vento era opposta a quella di diffusione del batterio. 

Mentre si attende l'ufficialità della notizia, c'è da aggiungere un nuovo Comune alla lista di quelli coinvolti, Pozzolengo. Lì risiedono due persone colpite da polmonite, entrambe avrebbero trascorso per motivi di lavoro un lungo periodo sul Garda, durante l'estate. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo schianto col tir, poi l'inferno: manager d'azienda muore carbonizzato nella sua auto

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

  • Terribile schianto all'incrocio: motociclista muore in ospedale

  • Maltempo, arriva forte peggioramento: pioggia e abbondanti nevicate

  • Investita mentre va in pizzeria con la famiglia, muore madre di tre figli

Torna su
BresciaToday è in caricamento