Cacciano cervi e camosci nell'area protetta: il figlio spara, il padre fa da palo

Si tratta di un 66enne e di un 43enne di Lavenone, pizzicati mentre aspettavano cervi e camosci sotto il passo Zeno, a ridosso dell'oasi di protezione del Baremone.

Foto di repertorio

La polizia provinciale li ha individuati e fermati appena in tempo, prima che abbattessero esemplari di cervi e camosci che vivono nell'area protetta del Baremone, a Lavenone. Nei guai sono finiti un 66enne e un 43enne: padre e figlio, di casa proprio a Lavenone.

A far scattare l'operazione il 43enne: gli agenti dal distaccamento di Vestone lo hanno sorpreso mentre, armato di fucile con cannocchiale, attendeva che qualche animale uscisse dall'oasi. Mentre i poliziotti lo seguivano a distanza, l'uomo è stato raggiunto da un 'complice' che lo ha avvisato della presenza degli agenti. Il 43enne ha quindi abbandonato in fretta e furia la postazione di caccia, rincasando a piedi. Nel frattempo il padre, che lo stava raggiungendo a bordo di un'auto, è stato fermato da un'altra pattuglia.

Per entrambi non è finita bene: quando gli agenti del nucleo ittico venatorio hanno bussato alle loro porte, controllando entrambe le abitazioni, hanno scoperto armi e un centinaio di munizioni detenute in un luogo diverso da quello prescritto dalla legge.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non solo: sono stati scovati un fucile modificato, uno non dichiarato e parecchie munizioni non denunciate. Entrambi sono quindi stati denunciati per omessa custodia, detenzione illegale di armi e munizioni e usi di mezzi di caccia non consentiti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schiacciati da mutuo e prestiti, due figli a carico: cancellati debiti per 267mila euro

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Crolla il balcone di un condominio: appartamenti inagibili, famiglie evacuate

  • Parrucchiere e cliente senza mascherina, salone chiuso dalla polizia

  • Si sente male in casa, sotto gli occhi della moglie: morto storico ristoratore

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento