Green Hill, LAV: "Inchiesta sull'Istituto Zooprofilattico di Brescia"

L'istituto ha sempre certificato la correttezza di quanto avveniva nell'allevamento. Ora la LAV chiede un'inchiesta al Ministro della Salute e ai presidenti di Lombardia ed Emilia Romagna

La LAV torna sulla recente sentenza di condanna dell’allevamento Green Hill di Montichiari, per violazione del Codice penale contro maltrattamenti e uccisioni di animali, sollevando formalmente al Ministro della Salute e ai Presidenti delle di Lombardia ed Emilia Romagna, Maroni e Bonaccini, le responsabilità l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Brescia, da loro finanziato.

L’associazione chiede un’inchiesta di Ministero e Regioni sull’operato dell’Istituto, considerato che ha sempre certificato la correttezza di quanto avveniva nell’allevamento di beagle, e che il direttore si è assunto la responsabilità di firmare i resoconti delle ispezioni pur non essendo mai entrato nell’allevamento, come ha lui stesso ammesso in un interrogatorio, emerso nel dibattimento processuale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zone gialle, arancioni e rosse, cosa succede il 6 dicembre: c'è attesa per la Lombardia

  • Il dramma di Matteo, papà di due bambini: ucciso dalla malattia a 38 anni

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Ragazza di 13 anni scomparsa con l'amica, madre disperata: "Torna a casa amore mio"

  • Si compra la cocaina con i soldi delle multe: sospeso agente della Locale

  • Tragico incidente: Valeria Artini, promessa del volley, muore a 16 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento