Trainato dal motoscafo, giovane padre viene inghiottito dalle acque del lago

Potrebbe essere annegato a una profondità di 150 metri: senza esito, per ora, le ricerche del 30enne olandese Hendrik Van Homme

Chi lo sta cercando, in qualche modo l'ha già detto: impossibile ritrovarlo vivo. E' passato troppo tempo dalla sua scomparsa: tutto è possibile, certo, ma il filo della speranza non è mai stato così sottile. Proseguiranno ancora per 48 ore, comunque, le cosiddette “ricerche di soccorso”: sul lago d'Iseo sono impegnati Vigili del Fuoco e Carabinieri.

Un'altra tragedia, a pochi giorni dalla morte del giovanissimo Vitor Hugo Conceicao Viera, annegato a largo di Sale Marasino. Un'altra croce dalle acque del Sebino: in queste ore si cerca il 30enne olandese Hendrik Van Homme, turista in vacanza con la famiglia, la moglie e i due figli (di 3 e 5 anni) e altri parenti e amici.

Turista scomparso: si cerca da Pisogne a Castro

Erano tutti e quattro insieme al cognato, in barca, quando martedì pomeriggio hanno lasciato il campeggio Eden, dove alloggiano da qualche giorno. A bordo di un motoscafo a motore, Hendrik si era agganciato a una ciambella salvagente, gonfiata ad aria. Ma quello che doveva sembrare un gioco innocuo si è invece trasformato in una trappola mortale.

Da Pisogne in direzione di Castro, all'altezza del Bògn di Riva di Solto, dove l'acqua è profonda fino a 150 metri. E' questa la zona in cui Van Homme potrebbe essere disperso. Potrebbe aver mollato la presa per via di un malore, o per la difficoltà di rimanere agganciato al motoscafo in movimento.

Ricerche di soccorso fino a giovedì

Sta di fatto che di lui non si sa più nulla, per ora. Anche i familiari non sono stati in grado di “misurare” con precisione il luogo della scomparsa. Non se ne sarebbero accorti subito: lui non avrebbe nemmeno gridato, per chiamare aiuto. Le ricerche proseguiranno ancora mercoledì e giovedì, poi si deciderà il da farsi.

Martedì pomeriggio si è levato in volo anche l'elicottero, per una ricerca di superficie. Nelle prossime ore sono attesi anche i sommozzatori. Il campeggio Eden e la comunità di Pisogne si stringono ai familiari disperati per la scomparsa del carico Hendrik. A margine della tragedia, le autorità fanno sapere che su tutto il Sebino è vietato il traino di gonfiabili, salvo ulteriori indicazioni, perché troppo pericoloso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Un paese fantasma: chiude l'ultimo negozio, a rischio anche l'unico bar

  • Dramma in una cascina: trovato morto uomo di 56 anni

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

  • Una sterzata disperata, poi lo schianto contro l'albero: così è morta Celeste

Torna su
BresciaToday è in caricamento